venerdì 2 giugno 2017

"Promessi sposi" politically correct

Basta, ho deciso di arrendermi alla nuova tendenza che ha caratterizzato i vari remake cinematografici e televisivi degli ultimi anni: rendere la narrazione politically correct A OGNI COSTO.
Pertanto scriverò a breve (quando dico "a breve" in genere sottintendo un periodo di tempo compreso fra le prossime ventiquattro ore e i prossimi ventiquattro anni) una nuova versione del capolavoro manzoniano seguendo i succitati dettami ideologici.
Non sarà una sfida facile, ma ho già elaborato gli elementi base.
Tanto per cominciare non va bene che i protagonisti siano entrambi lombardi. Per Lucia ci può pure stare: in fondo l'attaccamento per i luoghi denota un'appartenenza ancestrale a quel ramo del lago di Como tra due catene non interrotte di monti. Ma Renzo sarebbe più politically correct se fosse figlio di immigrati meridionali, magari piazzando pure qualche intercalare tipico del Mezzogiorno nel suo eloquio.
Non va bene neppure l'ossessiva presenza di religiosi cattolici. Passi per don Abbondio, ma fra' Cristoforo deve essere modificato. Lo ribattezzerò Cristoforo Muhamad e sarà l'imam di Lecco.
Don Rodrigo rimane il cattivo della vicenda, però non deve essere proprio cattivo. Cioè, lo sarà ancora, ma dovrà emergere che da bambino ha subito dei gravi abusi che gli hanno provocato turbe psichiche responsabili dei suoi comportamenti antisociali. Devo solo definire meglio che tipo di abusi. Forse potrebbe essere stato vittima di ripetuti indottrinamenti razzisti, classisti e sessisti da parte di alcuni cattivi spagn franc giapp ... da parte di alcune persone di nazionalità, sesso e appartenenza sociale indefinita. Però sicuramente fasciste.
Considerato che Cristoforo è un imam, ne consegue che l'Innominato si convertirà all'islam. Però si sposerà con una donna buddhista per sottolineare la convivenza pacifica tra religioni diverse (d'altronde, immaginare che nella Lombardia del Seicento ci fosse qualche buddhista non è mica una forzatura, no?) E poi, considerata la concessione della poligamia per i musulmani, sposerà anche una donna induista, sempre per gli stessi motivi. Infine in terze nozze impalmerà un uomo ateo, rivelando al mondo che il suo amore non ha limiti e quindi non è esclusivamente eterosessuale.
L'epidemia di peste sarà rimpiazzata da una vasta diffusione di aids causata dal mancato uso del preservativo, ma alla fine tutti saranno convinti ad utilizzarlo grazie a un efficace discorso pubblico della monaca di Monza che farà notare a tutti come la sua indesiderata gravidanza sarebbe stata facilmente evitata con un adeguato contraccettivo. Al termine di detto discorso sarà acclamata dalla folla e nominata nuovo vescovo (o vescova?) della diocesi di Lecco, in nome dell'affermazione femminile e dell'uguaglianza fra i sessi.
Qualche suggerimento?

28 commenti:

  1. Così ormai non è più "Promessi Sposi"... odio questo "Politically correct".

    RispondiElimina
  2. spagn franc giapp .. dimenticato americ... ops! sbagliato! :)

    diocesi di Lecco... chiesa anglicana magari... o valdese.... :)

    Maròòòòòòò! Lo voglio leggere!!!!! Sbrigati Ariano perchè ora mi hai messo sul gusto.

    ps e se Renzo fosse magrebino?

    pps non c'entra niente non questo post ma... volevo chiederti da dove era uscito Andrea Arcani ma non te lo chiedo più :) ahahahahahahh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andrea Arcani... beh, potrebbe essere il ghost writer di questo post ;-)

      Elimina
    2. Comunque mi piace dz morire sto ragazzotto che è meglio di xosa vuole essere. A parte che ha un cu... lato b! 😆😆😆

      Elimina
  3. Un po' di distopia e/o ucronia non sarebbero male, come anche qualche velatissimo riferimento politico, alla Pasquino.

    E se ci mettessi almeno un drago, beh, avresti un lettore assicurato :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensavo più a un orologio e un candeliere parlanti ;-)

      Elimina
  4. Ma quale suggerimento! Perfetto!!! *__* Per me sarà il nuovo classico contemporaneo da far leggere nelle scuole, per cui cura la lingua (neologismi, abbreviazioni, forestierismi...)!
    Geniale XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. OK, entro 24 anni dovrei riuscire a finirlo :-D

      Elimina
  5. Io passo... di questi capovolgimenti ne vivo già abbastanza dal vero. Oggi ho giocato ai cavalieri medievali con mio nipote di 5 anni. Le parti le ha stabilite lui: io (italiano) ero il cavaliere saraceno, lui (per metà marocchino) era il cavaliere crociato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapessi quante volte mia nipote mi ha fatto giocare con le Barbie e io dovevo fare la donna ;-)

      Elimina
  6. Uuh un luogo-non luogo dove tutto funziona comprese le amministrazioni e lo Stato, la gente non è stronza a prescidere, parla per motivare invece che per denigrare... ah, però diventerebbe un romanzo di fantascienza.

    RispondiElimina
  7. Non ho suggerimenti, solo un applauso!
    Ma sai che potrei citarla in classe ai pargoli della terza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poverini, vuoi confondere le loro giovani menti coi miei deliri? ;-)

      Elimina
  8. Sì, applausi anche per me.
    'Na roba pazzesca che... povero Manzoni: suderà "freddo" nella sua tomba! 😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fortunato. Io vedendo certi film "iper politically correct" sudo freddo già adesso... ;-)

      Elimina
  9. Mi raccomando, attenzione ai capponi. Qui voglio la svolta animalista, quindi le due bestie devono essere liberate e lasciare libere di scorrazzare libere. E che nessuno, in tempi di carestia come quelli del '600, si sogni di mangiarli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giustissimo, ottimo suggerimento! Lucia vegana e Renzo crudista, altro elemento fondamentale del remake!

      Elimina
  10. Ariano, i casi sono questi.
    1 blogger fa girar le OO
    2 tuti sei lasciatofar pauraaaaaa da me
    3 ho fatto casini io (eventualità remota al o,oooo1%)
    Fatto stache il mio commento è sparito.
    Riscrivo.
    Il 6 giugno ti criticherò moltissimissimo sul mio blog 😉
    Incomincia a tremare!!! 😄😄😄😄😄

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiedo subito asilo politico al Guatemala e fuggo col primo aereo utile!
      ;-)

      Elimina
  11. Io vorrei che la lieta conclusione della vicenda fosse festeggiata con una festa caciarona stile La grande bellezza dove ognuno si traveste e si trucca come gli pare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto, un'affermazione implicita della teoria gender! E basta con queste antiquate distinzioni fra uomo e donna!
      :-D

      Elimina
  12. Ho un solo dubbio, i preservativi esistevano già nel 600? Forse il caucciù c'era già importato da Marco Polo. Per il resto mi sembra una trama del tutto politically correct!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. É un'obiezione pertinente, però credo che pur di rendere il tutto politically correct ci possa stare anche qualche inesattezza storica, no?
      ;-P

      Elimina