lunedì 12 giugno 2017

Ottavo anno di blogging

Nonostante la crisi del settimo anno e la conseguente pausa di quattro mesi che ne è seguita, sono ancora in pista e festeggio otto anni di blogging.
Lo ammetto, punto al premio "highlander" riservato ai blogger più longevi ;-)
O, più banalmente, la mia grafomania è inarrestabile e questo spazio virtuale costituisce un'ottima arena per metterla in azione.
Cosa posso dire come discorso solenne per l'anniversario del blog?
Intanto mi sono riletto tutti i post dei precedenti anniversari.per rendermi conto che già il quarto anno mi sentivo "a corto di idee" e che il sesto anno è stato il peggiore a causa di situazioni legate alla mia vita privata.
Nel complesso il miglior post di anniversario è quello del quinto anno, forse avrei dovuto fare copia/incolla, cambiare tutti i 5 in 7 e sperare che nessuno si accorgesse di nulla, chissà ;-)
Riguardo i progetti in corso, ammetto che per ora sto tirando i remi in barca. Sinora ho auto-pubblicato 17 ebook (3 sono stati temporaneamente ritirati per essere sottoposti a revisione) e quindi mi sento non dico appagato ma quanto meno con la coscienza a posto. Non implica un ragionamento del tipo "ok, ho scritto abbastanza, posso mollare" però significa che ho già detto molto di quel che avevo dentro.
Peraltro l'estate è in arrivo, il rito nazionalpopolare del paese che calza i ciabattoni e si ferma - letteralmente, anche se da qualche anno l'Italia mi sembra abbastanza immobile pure in pieno inverno - è in arrivo.
Dopo quasi mezzo secolo di appartenenza alla società italica sto infine assorbendone gli usi e i costumi malgrado il mio ostinato isolamento, perciò i mesi che seguiranno diventano i meno adatti per iniziare nuovi progetti.
Il blog vivacchierà sicuramente sino a ottobre (quindi resta attivo ma non aspettatevi post impegnativi) e chi vivrà vedrà.
Le stagioni non sono più quelle di una volta e si stava meglio quando si stava peggio (insomma, sto invecchiando ;-)

36 commenti:

  1. Ahahah, ti do ragione su tutto, anche sulle stagioni e su quando si stava meglio :D
    Qualche mese fa ho scritto da qualche parte che quest'anno la fase estiva del mio blog sarebbe durata tutto il tempo dell'estate, dal 20 giugno al 20 settembre circa. Il che significa che tra una settimana dovrebbe cambiare qualcosa... dovrebbe, forse ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora attendiamo il 20 per scoprire cosa ci riservi per l'estate :-)

      Elimina
  2. Naturalmente anche auguri di buon bloggheanno! Che nostalgia, però quella palla di biliardo lassù in alto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te lo ricordi Benigni in "Daunbailò"?
      "Boll namber eit, ai chilled im uid boll namber eit!"

      Elimina
  3. Ma sì, è tutto un gioco, il blog intendo. Senza quello spirito diventa veramente una pratica e un impegno triste.
    Intanto auguri, otto anni sono davvero tanti.
    Viviamo con più leggerezza questo scambio di pensieri arzigogolati che è meglio và.
    Un abbraccio virtuale e in bocca al lupo per tutto.
    Pool 😄😄😄

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Massimiliano, il tuo approccio alla vita e al blogging è un esempio da seguire :-)

      Elimina
  4. Buon bloggeranno! Otto sono tanti, quindi super complimenti.

    RispondiElimina
  5. Eh,no! Ariano non può barare riciclando così vecchi post, 😋
    Auguri! 🎂🎂🎂🎂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti alla fine non l'ho fatto ;-)
      Grazie :-)

      Elimina
  6. Il miglior modo per far vivere il blog, dopo tanti anni, è scrivere quel che si vuole scrivere e quando lo si vuole. Senza farsi pressioni inutili.
    Auguroni Highlander! ;)

    CervelloBacato

    RispondiElimina
  7. Dopo la crisi del settimo anno, si riparte con altri sette anni di blogging, e all'ottavo sei già arrivato! ;-) Leggo che lentamente andrai in standby, ma vorrei vedere comunque una foto con i ciabattoni prima della stasi totale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella potrei anche postarla. La mia brutta faccia non merita visibilità, ma per i piedi non c'è problema :-D

      Elimina
  8. E dunque ora vado a leggere il post del quinto bloggeranno (forse già c'ero, o no?)
    Intanto auguri per questo: per i progetti, la voglia di esserci che non venga mai meno e per l'estate che avanza, insieme al nuovo! 😄

    RispondiElimina
  9. Anch'io vado a rileggere i post degli anniversari precedenti, quanto capitano queste occasioni. Davvero è incredibile come si cambia senza accorgersene.
    Dai, ancora poco e arrivi a 10 anni! Buon compleblog, intanto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, ma io procedo sempre passo dopo passo (dalle mia parti si dice: fra un anno beato a chi ha ancora un occhio).

      Elimina
  10. Io che sono a due anni e mezzo circa, mi sento una poppante.
    Buon bloggheanno! E continua a scrivere, ché ci vuole.

    RispondiElimina
  11. Buon anniversario e prossimo standby estivo, faccio finta di non aver compreso il "dopo" ;)

    RispondiElimina
  12. Complimenti per la lonjgevità del tuo blog. Le pause ci stanno, xservono per ricaricare le pile. Buon estate, con o senza i ciabattoni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Roberto, in effetti io uso piuttosto le infradito ;-)

      Elimina
  13. Però otto anni non sono pochi, quindi buon anniversario. Eh sì le stagioni non sono più quelle di una volta quindi è anche per questo che bisogna ricaricare le pile ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so quanto riuscirò a ricaricarle ma ci provo ;-)

      Elimina
  14. Tanti auguri dell'ottavo compleanno del tuo blog! Mi piace il tuo blog e spero che tu lo continui più lungo...
    Ma il tempo vola...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più passa il tempo più è difficile trovare nuove idee. Però ci provo ;-)

      Elimina
  15. Congratulazioni per il traguardo raggiunto!

    Facendo un rapido calcolo, sono un poppante :D

    RispondiElimina
  16. Invecchiamo tutti (purtroppo). Anche la mia avventura nella blogosfera, iniziata nel 2008, ha percorso una parabola che oggi è di certo nella sua fase discendente. Forse l'era dei blog è finita già da un pezzo, pure se a noi l'idea non piace e fatichiamo a rassegnarci, anche se noi stessi siamo i primi a faticare a tenere in piedi uno spettacolo per pochi, pur se affezionati, spettatori.
    Ma tante parole, tanto tempo, tanto attaccamento non sono stati spesi invano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente a qualcosa siamo serviti. Io almeno ho letto con piacere tanti post di vari bloggers, tu sei uno di quelli, continuo a leggerti anche ora che posti con molta minore frequenza. Sì, il blogging è in fase discendente, ma finché mi piacerà usarlo come mezzo di espressione continuerò ;-)

      Elimina